Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

102. L’incisciature1

 

Che sscenufreggi,2 ssciupi, strusci e ssciatti!
Che ssonajjera3 d’inzeppate a ssecco!
Iggni bbotta peccrisse annava ar lecco:
soffiamio4 tutt’e dua come ddugatti.

 

L’occhi invetriti peggio de li matti:
sempre pelo co ppelo, e bbecc’a bbecco.
Viè e nun viení, e ppijja, ecco e nnun ecco;
e ddajje, e spiggne, e incarca, e strigni e sbatti.

 

Un po’ piú che ddurava stamio grassi;5
ché ddoppo avé ffinito er giucarello
restassimo intontiti6 com’e ssassi.

 

È un gran gusto er fregà! ma ppe ggodello
più a cciccio,7 ce voria che ddiventassi
Giartruda tutta sorca, io tutt’uscello.

 

Morrovalle, 17 settembre 1831 - De Peppe er tosto

 

 




1 Le fottiture.

2 Quasi dicesse flagelli.

3 Quasi batteria.

4 Soffiavamo.

5 Equivalente di «stavamo freschi».

6 Restammo istupiditi, immobili.

7 Più a dovere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License