Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

108. Dusonetti pe Lluscia

Er primo a llei

 

Ma ffa’ la pasce tua: nun c’intennemo?
Te parlassi in lingua tramontana!
Fa’ la tu’ pace, dico, e ddiscurremo
cor core in mano, uperto, a la romana.

 

Attorno a un osso in troppi cani semo;
poi tu attanfi1 ’n’arietta2 de puttana:
dunque iggnuno3 da sé: cciarivedemo
li quinisci de stantra settimana.

 

Ho vorzuto4 provà: stato tosto:5
ho abbozzato6 da pasqua bbefania7
inzino a la madon de mezz’agosto.

 

Ma ’ggni nodo viè ar pettine, Luscia.
ffa’ li fatti tua, mettete8 ar posto,
dàjje er zordino:9 e cchi tte tte pía.10

 

Morrovalle, 22 settembre 1831 - De Peppe er tosto

 

 




1 Puzzi.

2 Alquanto.

3 Ognuno.

4 Voluto.

5 Saldo.

6 Pazientato.

7 Epifania.

8 Mettiti.

9 Dargli il sordino: quel sibilo con cui le meretrici chiamano avventori.

10 E chi ti vuol, ti piglia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License