Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

109. Dusonetti pe Lluscia

Er siconno a Cremente

 

Me sento arifiatato! Infinarmente
oggi ho ffatto lo stacco der ceroto,1


co ttutto che Lluscia, quell’accidente,
facci le sette peste,2 e ’r terramoto.

 

Pozzi èsse ammazzataccio chi sse pente,
e sta’ cquieto, che cquì nun ciariscoto:3
prima voría tajjamme er dumpennente4
e ffacce5 un Pe Gge Re6 come pe vvoto.

 

Già, è stata la Madonna de l’assunta
che ha vvorzuto accusí ddelibberamme
quanno ero ar priscipizzio in punta in punta.

 

Ma ddoggimpoi si azzecco un’antra lappa7
medema che8 Luscia, me metto a ggamme;9
ché a sta vergna10 che cquì vvince chi scappa.

 

Morrovalle, 22 settembre 1831 - Der Medemo

 

 




1 Il distacco.

2 Faccia il gran romore.

3 Non ci soccombo.

4 Vocabolo tolto dal Dum pendebat dell’inno Stabat Mater.

5 Farci.

6 P.G.R. lettere che si veggono in tutte le tavolette votive, e significano: Per Grazia Ricevuta.

7 Donna scaltra.

8 Eguale a.

9 Fuggo.

10 Qui per intrigo pericoloso.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License