Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

110. L’inappetenza de Nina

 

Eh sor dottore mia, che vvorà ddí
che mm’è sparita quell’anzianità1


che ’na vorta sentivo in ner maggnà,
anzi nun pozzo ppiú addiliggerí?2

 

Me s’è mmessana bboccia3 propio cquì:
ggnisempre ho vojja d’arivommità;
e cquanno, co rrispetto, ho da cacà,
sento scerti dolori da morí.

 

Perché nun m’ordinate quer zocché4
che pijjò Ttuta quanno s’ammalò
pe sgranà5 ttroppi dorci der caffè?

 

Oppuramente un po’ d’asscenzo,6 o un po’
de leggno-santo: ché ar pijjà ppe mmé
io nun ciò7 ggnisun scrupolo, nun ciò.8

 

Morrovalle, 22 settembre 1831 - De Peppe er tosto

 

 




1 Ansietà.

2 Digerire.

3 Un peso, una grevezza, indicando lo stomaco.

4 Quel non so che.

5 Mangiare.

6 Assenzio.

7 Non ci ho…

8 Difficoltà.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License