Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

120. Li protesti1 de le cause spallate

 

Hai la coda de pajja,2 Titta mia:3
te bbutti avanti pe nnun cascà arreto.
Quanno entrassi alla vigna in ner canneto,
nun me lo poi negà, ccera Maria.

 

Ahà, lo vedi, porco bbú-e-vvia?4
Nun t’attaccà a San Pietro,5 statte quieto:
er giurà è da bbriccone: ggià a Ccorneto
o cce sto o cciò d’annà pe cquellarpia.

 

Che cià cche ffà la storia de Lionferne5a
co le fufigne6 tue? fussi gabbiana!
Ste lucciche vôi damme pe llenterne?7

 

, a l’istorielle a la tu’ nana.
, ppassavia, ché nun te pozzo sscerne;8
e ssi tte la do ppiú ddimme puttana.

 

Morrovalle, 26 settembre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Pretesti.

2 Chi ha la paglia, sempre teme non gli si abbruci: proverbio che dimostra il fare di chi sentendosi in fraude, si scopre col troppo studio di difendersi.

3 Giovambattista mio. Il pronome segue per analogia l’ultima lettera del nome.

4 Cioè Porco bu… e quel che resta.

5 Non ispergiurare.

5a Oloferne.

6 Trappole, contrabbandi.

7 Lucciole per lanterne.

8 Non posso soffrirti. Modo venuto dal napolitano.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License