Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

126. Quarto, alloggià li pellegrini

 

Ahú, bbocchin de mèle, occhi de foco,
faccia de perzicuccia de Scandrijja!1


Faressi in nner tu’ letto un po’ dde loco
a sto povero fijjo de famijja?

 

Nun te ne pentirai, perch’io ccoco,
e in ner tigàme assaggeraina trijja
scojjonata2 pe tté, ggrossa e vvermijja,
che in de la panza te farà un ber gioco.

 

Mòvete a ccompassione d’un regazzo
iggnud’e ccrudo,3 senza casa e ttetto,
tu che mmetti li cònzoli in palazzo.

 

Se raccapezza inzomma sto buscetto,
già che mmó è nnotte, e cqui nun vedo un cazzo4
che t’impedischi d’arifajje er letto?

 

A Valcimara, 28 settembre 1831 - De Pepper tosto

 

 




1 Scandriglia è un paese della Sabina rinomata per grosse e saporose pesche, dette a Roma pèrziche.

2 Formazione maliziosa di un vocabolo equivoco, la cui perifrasi sarebbe nata di scoglio o sopra di scoglio.

3 Così dicesi di chi non ha attorno che cenciolini.

4 Equivoco di nulla.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License