Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

129. Er purgante

 

Cuanno cuela bbonanima d’Annotta
ebbe l’urtima frebbe e stiede male,
pe avé llojjo de ríggini1 che sbotta2
vorzi curre da dda lo spezziale.

 

E cco la cosa3 ch’er Cumpar Natale
m’ha ttienuto a bbattesimo Carlotta,
acquàsi ne cacciò mmezzo-bbucale,
e mme lo vorze ffresco de grotta.

 

Ma cchedè e cche nun è,4 duora doppo
lei sentí ggran dolori a le bbudella,
e scaricò tamanto de malloppo.5

 

E ppoi da mmerda in merda, poverella,
bbisogna che llojjo fussi troppo,
morze, salute a nnoi, de cacarella.6

 

In legno da Valcimara al ponte della trave:
De Peppe er tosto - 28 settembre 1831

 

 




1 Olio di ricino.

2 Scarica.

3 Pel motivo.

4 Espressione di sorpresa per cosa imprevista.

5 Massa di materie.

6 Cacaiuola.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License