Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

135. Nozze e bbattesimo

 

cquattro mesi sette giorni e un’ora,
si1 ttaricordi, che pijjassi2 mojje;
e già a cquesta je viengheno le dojje
e un mammoccetto pissciallo fora?!

 

Cancheri che ppanzetta fijjatora!
Si ssempre de sto passo je se ssciojje,
te sfica tanti fijji quante fojje
ponno bbuttà le scerque3 a Ssantafiora.4

 

Beato te cche vedi a sti paesi
certi accidenti novi de natura
che nun ponno vedé mmanco l’Ingresi!

 

:5 cch’è stato?! Nun avé ppaura.
Un’ora sette ggiorni e cquattro mesi
passati, e vviè fora la cratura.

 

A Strettura, la sera de’ 29 settembre 1831
De Peppe er tosto

 

 




1 Se.

2 Pigliasti.

3 Querce.

4 Tenimento.

5 Il grido de’ bambini.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License