Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

143. Er padre pietoso

 

Dàjje anza tu, ffacquer ch’Iddio t’ispira,
ma ppoi nun te lagnà cquer che ddiventa.
Quanno in casa uno tira e llantro allenta,
un giorno ha da viení che sse sospira.

 

Povera Nina tua tribbola e stenta
pe smorbinallo, e ttu jjattizzi l’ira!
Quanno in casa uno allenta e llantro tira,
se frigge un ber pasticcio de pulenta.

 

Si un remo scede quanno l’antro incarca,
doppo fatto un tantin de mulinello
se va a ffà bbuggiarà ttutta la bbarca.

 

Viè sur passo a Ripetta oggi a vedello:
eppoi di’ a cquer zomaro de la Marca
che cchi cconsijja l’antri abbi sciarvello.

 

Terni, 30 settembre 1831 - D’er medemo

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License