Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

146. A li caggnaroli sull’ore calle

 

Bastardelli futtuti, adessadesso
si nun ve la sbiggnate1 tutti quanti,
viengo giú, ccristo!, e vve n’ammollo2 tanti,
tutti de peso e cco la ggionta appresso.

 

Che sso! mmai fussimommini de ggesso,
da piantà llí cco la fronnetta avanti!
Guarda che sconciature de garganti!3
Fùssivarti4 accusì ttanto è l’istesso.

 

È ggià da la viggilia de Sanpietro
che vve tiengo seggnati uno per uno
pe ggonfiavve de chicchere er dedietro.

 

PregatIddio, fijjacci de nisuno,
pregatIddio d’arisfassciamme un vetro,
e vvedete la fin de sto riduno.

 

Terni, 1 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Sbignarsela: andar via.

2 Ve ne do.

3 Uomini di fieri modi.

4 Alti così: mostrando una misura con alzare una mano da terra.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License