Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

147. Le stizze cor regazzo1

 

Nun me ppiú ppijjà? cche se ne stia.
E ppe cquesto ccasca ponte-rotto?
Nun me ppiú? Vadi a ddàsse1a un bôtto:
nun m’è ssonata a mmé la vemmaria.

 

ssempre fijja de l’azzione mia:
zzitella onorata, e mme ne fotto.
cche sto in lista a la dota der lotto,
chi nnò la madre me darà la fia.

 

De scerto me sciammalo! e ssò ccapasce
de stiracce le scianche da la pena,
Dio l’abbi in grolia, e requieschiatt’in pasce.

 

Dijje intanto pe mmé: «Llena mia Lena,
sto core sta in catena»; e ssi jje piasce,
che ll’ho in ner culo, e cche llaspetto a ccena.

 

Terni, 1 ottobre 1831 - De Pepper tosto

 

 




1 Amante.

1a Vada a farsi dare.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License