Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

150. Abbada a cchi ppijji!

 

Santi1 che va a strillà cco la cariola2
nocchie rusicarelle3 e bbruscoletti,4
che jer l’antro sce diede li confetti
pe avé ppresa la fijja de Sciriola;

 

dio s’allarga,5 peddio, la fischiarola!,6
come vorze7 infroscià8 li vicoletti,
s’impiastrò immezzo a un lago de bbrodetti,
de cuelli che cce lla bbavarola.

 

Ecco cuer che succede a ttanti ggnocchi
che nun zanno addistingue in ne l’erbajja
le puntarelle9 mai da li mazzocchi.

 

Donna che smena10 er cul com’una cuajja,11 se11a mozzica12 li labbri, e svorta13 l’occhi,
si13a pputtana nun è, ppoco la sbajja.

 

Terni, 1 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Nome d’uomo.

2 Carriuola.

3 Nocchie infornate.

4 Semi di zucca salati e poi abbrustoliti.

5 Espressione imitativa di «Dio sagrato».

6 Tutto questo verso è una comune esclamazione romanesca.

7 Volle.

8 Penetrare.

9 Insalata fatta dal tallo di cicoria presso all’insemenzire.

10 Dimena.

11 Quaglia.

11a Si.

12 Morde.

13 Volge.

13a Se.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License