Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

151. La schizziggnosa1

 

Nun te vôi ttoccà? Vatte a oggne.2
Tiette , ttiette ,3 pòzz’esse fritta!
Nun ze sapessi che tte lassi moggne4
dar bocchino bbavoso der zor Titta!

 

Caso mai fussi perché ttiengo l’oggne,5
ppropio me le tajjo a la man dritta.
Manco?! accidenti a tutte le caroggne.
Saettacce a ’ggni scrofa che ssaffitta.

 

Senti come sa ffà la mozzorecchia,
quante ne sa inventà pe ffasse arreto6
sta scolatura de pilaccia vecchia!

 

Te vorrebbe aridusce7 cor un deto8
ch’er piú ppezzo9 de fussi un’orecchia
fonno de morchia, visscido10 d’asceto.

 

Terni, 1 ottobre 1831

 

 




1 Schizzinosa.

2 Ungere. « in malora».

3 Tienti in sussiego.

4 Mungere.

5 Unghie.

6 Per rifiutarsi.

7 Ridurre.

8 Dito.

9 Che il più grosso pezzo.

10 Viscidume.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License