Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

157. Er matto da capo

Sonetti 2

 

Sai chi ss’è rriammattito? Caccemmetti:
e ’r padrone, c’ha ggià vvisto la terza,
l’ha mmannato da Napoli a la Verza,1


pe rrifajje passà ccerti grilletti.

 

pprincipiò a sgarrà tutti li letti,
dava er boccio2 a la dritta e a la riverza:
ma mmó ttiè tutte sciggne pe ttraverza,
e ccià er muro arricciato a cusscinetti.

 

Che vvôi! Nun t’aricordi, eh Patacchino,
che ggià jje sbalestrava er tricchettracche3
sin da quanno fasceva er vitturino?

 

Che ccasa! Er padre e ddufratelli gatti;4
la madre cola,5 e ttre ssorelle vacche:
e ttra ttutti una manica de matti.

 

Terni, 3 ottobre 1831 - De Pepper tosto

 

 




1 Aversa.

2 Il capo.

3 Il cervello.

4 Ladri.

5 Spia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License