Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

159. Una disgrazzia

 

Stammatina a San Neo Luca er facocchio
s’è arrisicato a sentí mmessa accanto
a cquer ladraccio d’usuraro santo,
che cquanno schiatta hai da sentí lo scrocchio!

 

Ecchete a l’improviso a sto santocchio,
ch’è ccatarroso a nun poté cquanto,
jincomincia la tossa, e, in tossì tanto,
bloà, schizza a Luca un’ostrica in un occhio.

 

Luca che vvede er lampo e sente er botto
tutt’in un corpo assieme co l’impiastro,
attaccato un perdio je se fa ssotto.

 

E, ssi nun era quer portapollastro
der chirico, coll’ojjo der cazzotto
metteva er boccio in un gran brutto incastro.

 

Terni, 3 ottobre 1831 - De Pepper tosto

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License