Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

161. Puro l’invidiaccia

 

Nun ce mmica l’argebra a ccapillo
pe ccosa Nofrio mette in celo a cquesta
donna bbissodia,1 e jje fa ttanta festa,
bbè cche, ssiconno me, vale uno strillo.2

 

Vienghi una scimmia co la scuffia in testa,
lui subbito ce mette ostia e siggillo:3
e a cquesta vonno (nun sta bene a dillo)
j’abbi sgrullato er farpalà4 a la vesta.

 

Co dduparole ecchete ssciorto er nodo
de Salamone: e, ssenzavecce rabbia,
de vedello incescito,5 anzi sce godo;

 

llui zappa sta Vènera, e la stabbia;
ma ppresto, a ffuria d’aribbatte er chiodo,
s’ha da trovà come l’uscello in gabbia.6

 

Terni, 3 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Nome di scherno, tolto dal da nobis hodie.

2 Un nonnulla.

3 Ci si attacca; vuol pórci del suo.

4 Sgrullà er farpalà (scuotere il falbalà), vale «conoscere carnalmente». Il falpalà è a Roma «la guarnizione inferiore d’una sottana».

5 Imbalordito.

6 Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License