Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

162. La machina lèdrica

 

Oggi quer zeppo de Padron Zarlatta,
lui coll’antro bbidello a la Sapienza
che ddietrar collo tiè tanta de natta,
m’hanno fatto portacce una credenza.

 

Ce sta drento una gran rota, senza
razzi, tra ducusscini, e ttutta fatta
de vetro; e pe bbarile cià in cusscenza
quer manico c’ha llomo in de la patta.

 

Come se fa, nun n’ho capito un ette:
ma ddicheno che avanti a ’na colonna
serve a ccompone furmini e ssaette.

 

Eppuro paghería, corpo de Nonna,
de sapé cquanno ggiucheno a ttresette
si er primo è mmaschio e la siconna è ddonna.

 

Terni, 3 ottobre 1831 - Der medemo

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License