Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

166. lndovinela grillo1

 

Tu mmaddimanni2 a mmé ssi3 ffu pputtana
a li su’ tempi la casta Susanna.
Che vvôi che t’arisponni4 a sta dimanna?
Bisoggnerebbe dillo5 a la mammana.

 

Ma ccerto cuella vorta che in funtana
l’acchiapponno6 li bbocci7 a la lavanna,
se rride8 d’accusa e de condanna
ch’entrassino9 li lupi in de la tana.

 

Che vvôi che sse fascessi10 de duvecchi
co cquelle sscimmesscimme-cose-mossce?
Nun je la vorze11 : díllo, e cciazzecchi.12

 

Ma ssi (vd. n. 3) la donna tu la vôi conossce,
métteje13 avanti un par de torciorecchi,
eppoi guardeje (vd. n. 13) er gioco de le cossce.

 

Terni, 4 ottobre 1831 - De Pepper tosto

 

 




1 Giuoco di sorti.

2 Dimandi.

3 Se.

4 Risponda.

5 Dirlo.

6 Acchiapparono.

7 Vecchi.

8 Si può ridere.

9 Entrassero.

10 Facesse.

11 Volle.

12 C’indovini.

13 Mettile, guardale.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License