Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

170. Er Culiseo

 

E nnò ssortanto co mmajjoni e ttori
ccqui se ggiostrava, e sse sparava botti,
ma ccereno cert’antri galeotti
indifferenti dalli ggiostratori.

 

Se chiamava sta ggente Gradiatori
e llarte loro era de a ccazzotti.
Ste panzenére co li gruggni rotti
daveno assai da ride a li Siggnori.

 

Un de sti bbirbi, e mme l’ha ddetto un prete,
cuscinò1 cor un puggno un lionfante,
eppoi se lo maggnò, ssi cce credete!

 

Je danno nome o Melone o Rugante:1a


ma, o ll’uno o llantro, mai1b tornassi1c a mmete2
nu lo vorrebbe un cazzo appiggionante.

 

Terni, 4 ottobre 1831 - D’er medemo

 

  




1  Uccise.

1a Milone, o Creugante.

1b Se mai.

1c Tornasse.

2 Mietere, per «divorare».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License