Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

173. La Salara de l’antichi

 

Viscino ar Culiseo,1 tra li cantoni
de li fienili de Padron Vitale,
Ggnazzio, sce troverai sette stanzioni,
c’abbiteressi mejo a lo spedale.

 

Vonno che llí, si nun ho inteso male,
a cquer tempo de ddio de li Neroni
se fascessi la frabbica der zale2
pe cconní le coppiette3 e li capponi.

 

E mmó mme viè un’idea! che llí, per bacco,
chi ssa che nun ce fussi er zito puro
pe ttutto er magazzino der tabbacco?4

 

Guasi guasi lo tiengo pe ssicuro:
ma mmo cche vvado a ricuscimme un tacco,5
per dina che lo so, ssi mme ne curo.

 

Terni, 4 ottobre 1831 - De Pepper tosto

 

 




1 Colosseo.

2 Sono le così dette Sette-Sale, già terme erette da Tito sull’Esquilino, sopra una porzione della casa di Nerone: donde si vuole che Raffaello Sanzio trasse l’idea de’ suoi ornati delle Logge Vaticane. I Romaneschi sono molto propri a confondere il sale, con le sale.

3 Polpette.

4 Unitamente a quelle del sale va in oggi amministrata la regalia de’ tabacchi.

5 Taccone. I ciabattini, i calzuolai e i barbieri sono i dottori della plebe.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License