Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

176. Le scorregge1a da naso solo

 

Che odor de puzza! Puhf! Loffe (vd. n. 1a) ariposte!
Avvisi sordi de scorreggia (vd. n. 1a) muta!
Senti si1 cche pprofumi d’ovatoste!
E pporti stacqua de melissa, eh Tuta?

 

Ner cul de ’na piluccia ggiú dall’oste,
fatte pistà un tantin d’erba fottuta,
cona pera spadona in de le coste,
seme de tuttocazzo, ojjo, ajjo e rruta.

 

mmano-sante2 puro3 un manganello,
una stanga de porta de cantina,
o una cavola presa a un caratello.

 

La prima a ssentí sta cantarina4
sei stata? A cquesto c’è un proverbio bbello,
che disce: Cunculina cunculina5

 

Nun 6 l’innocentina:
quanno dereto a nnoi tôna o llampeggia,
se7 dice chiaro: ho ffatto una scorreggia.

 

Terni, 5 ottobre 1831 - De Pepper tosto

 

 




1a Peti.

1 Se.

2 Rimedi miracolosi.

3 Pure.

4 Cantaro, per «fetore».

5 Concolina, concolina chi la fa, la sente prima.

6 Non fare.

7 Si.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License