Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

179. Le forbiscette

 

Si tte bbastarda l’animo de fallo,
mulacciame sta scarpa, bbella fijja;
ché ssu sto deto me sc’è nnato un callo
piú ttosto der tu’ corno de famijja.

 

Sto callaccioggni tanto m’aripijja,
e nun me so arisorve de tajjallo.
Ammalappena ho ffatto un par de mijja,
me te ccerte fitte che ttrabballo.

 

Tu che in logo de lingua hai ne la bbocca
lo stuccio d’un bon par de forbiscette,
me serviressi tu, bbella pasciocca?

 

Sfileme li carzoni e le carzette
pe ppreparatte a ffà cquer che tte tocca;
eppoi doppo ggiucamo a ccaccia e mmette.

 

Terni, 5 ottobre 1831 - De Pepper tosto

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License