Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

182. La frebbe1

 

Quanno pe vvia de caricà la leggna
er viggnarolo me mannò a la viggna,
lui stava fora, e ccera la madreggna
’na stacca2 vedovella da gramiggna.

 

Quer commido der cazzo e de la freggna
ce messe3 vojja de grattà la tiggna.
Che bbella notte! Ma cquellaria indeggna
m’attaccò ppoina mmalatia maliggna.

 

Sai che mme disse quer dottor da roggna
che vvà dar zempriscista a la cuccaggna?4
«Quì cc’è una bbona frebbe!, e nnun bisoggna...».

 

Ma io, pe nnun sentí llantra compaggna,
te l’azzittai5 ccusì: «Ssora caroggna,
la frebbe è bbona? annàtevel’a mmaggna».

 

Terni, 6 ottobre 1831 - De Pepper tosto

 

 




1 Febbre.

2 Puledra.

3 Mise.

4 Contrada di Roma.

5 Lo quietai.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License