Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

184. Caino

 

Nun difenno Caino io, sor dottore,
ché lo so ppiú dde voi chi ffu Ccaino:
dico pe ddí che cquarche vvorta er vino
accecà l’omo e sbarattajje er core.

 

Capisch’io puro che agguantà un tortore1


e accoppacce un fratello piccinino,
pare una bbonagrazia da bburrino,2
un carciofarzo3 de cattivodore.

 

Ma cquer vede ch’Iddio sempre ar zumèle
e a le su’ rape je sputava addosso,
e nnò ar latte e a le pecore d’Abbele,

 

a un omo com’e nnoi de carne e ddosso
aveva assai da inacidijje er fele:
e allora, amico mio, tajja ch’è rosso.4

 

Terni, 6 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Pezzo di ramo di albero.

2 Contadino romagnolo.

3 Calcio falso: tradimento.

4 Frase usata per esprimere l’abbandono di ogni riguardo od esitazione. È metafora presa dal tagliare i cocomeri.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License