Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

189. Er pranzo de li Minenti1

 

C’avessimo?2 un baril de vin asciutto,3
dusfojje4 co rragajji4a e ccascio tosto,5
allesso de mascello,6 un quarto7 arrosto,
e ’na mezza grostata:8 ecchete tutto!

 

Ce fussi stato un frittarello, un frutto,
o un piattino ppiú semprice e ccomposto!...
Cert’antra ggente che ce stiede accosto
c’ebbe armanco deppiú fichi e presciutto!

 

Si ppoi vôi ride, mica pan de forno
ce diede, sai? ma ppagnottoni a ppeso,
neri arifatti9 de scentanni e un giorno.

 

Oh, tu azzecchece10 un po’ cquanto fu speso!...
Dutestonacci11 a ttesta, o in quer contorno!12
E cce vonno riannà?13 Bravo, t’ho ’nteso!14

 

E io che mm’ero creso15
d’impiegà un prosperuccio-lammertini,16
ciò impeggnato a mmi mojje l’orecchini.

 

Terni, 8 ottobre 1831 - De Pepper tosto

 

 




1 Minenti (da eminenti): così chiamansi coloro che vestono l’abito proprio del volgo romanesco.

2 Avemmo.

3 Vin brusco.

4 Lasagne.

4a Visceri di pollo.

5 Cacio pecorino.

6 Carne di macello dicesi la «carne grossa».

7 Quarto, assolutamente, è un «quarto di bacchio o abbacchio, cioè agnellino da latte».

8 Specie di sfogliata.

9 Stantii.

10 Indovinaci.

11 Testone è una moneta d’argento da tre paoli.

12 Incirca.

13 Riandare, ritornare.

14 Così dicesi da chi non vuol far nulla di quanto udì.

15 Creduto.

16 Vedi la nota… del Sonetto

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License