Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

192. Er pidocchio arifatto1

 

Pe vvienimme a pparlà fanno a l’aggara2
donne tutte de garbo e obbrigazzione.
Me saluta Maria de lo scozzone,
la Chiappina e Lluscia la salumara.

 

E ttu, cco cquer grostin de protenzione
de tienettela ,3 vacca somara,
saressi4 mai la bbella Pulinara
che mmonta su la scala der pavone?5

 

Inzin a jjeri hai fatta la servaccia;
e mmó cche ssei, Dio guardi, er pissciatore
d’un Conte, soffi e mme ce sputi in faccia?

 

Ricordete però cche cchi ssetaccia
fa ssemmola e ffarina. Er cacciatore
quanno pía6 starne e cquanno storni a ccaccia.

 

Terni, 8 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Il parvenu dei francesi.

2 A gara.

3 Di stare in alterigia.

4 Saresti.

5 Frasi di un gioco da fanciulli.

6 Piglia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License