Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

196. Venti ttrent’otto mijja,
è un cojjon chi sse ne pijja.

 

Doppo quella frebbaccia bbuggiarossa,
che a ffà tterra pe cecci era d’avanzo,
sto ggiuggno e llujjo, pe scampà la fossa
ito a mmutà aria a pportodanzo.1

 

Maggnavo poco a ccena e ggnente a ppranzo:
puro2 de punt’in bianco3 ebbe4 una smossa,
che ssi ar guarí nun me se uno scanzo,
già aristavo llí llí ppe stirà llossa.

 

Mo ccagosto ariviè ccapo d’inverno,
me n’aritorno a Rroma a ppijjà ffresco,
o ppe annamme a ffà ffotte in zempiterno.

 

Tu lo sai, Schizza mia, ch’io ttodesco5
vojjo svariamme,6 e cquanno vinco un terno
vado ar perdon-da-Sisi a Ssan Francesco.

 

Terni, 9 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Porto d’Anzio.

2 Pur tuttavia.

3 All’improvviso.

4 Ebbi.

5 Testardo.

6 Divertirmi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License