Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

197. Li bbaffutelli1

 

No ppe ccristaccio, nun volemo un cazzo
sti bbaffetti pe Rroma in priscissione;
che vviengheno a ddà er zacco su a ppalazzo,
e a bbuggiarà la santa riliggione.

 

Ma er Papa nostro, si nun è un cojjone,
ce l’ha dda vvedé cquarche rrampazzo!2
Bastabbino l’idea de frammasone
pe mmannalli a impiccà tutt’in un mazzo.

 

E ppe nnun a chi fijjo e a chi ffijjastro,3
a le mojje bbollateje la sorca,4
e a li fijji appricateje l’incastro.5

 

Si a ddà un essempio a sta canajja porca
poi manca er boja, cquà io pe mmastro,
che sso ccome se sta ssott’a la forca.

 

Terni, 9 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Giovanetti vaghi d’andare in mustacchi.

2 «Impiccato»; translato di racemo, detto in Roma rampazzo.

3 Parzialità.

4 La pudenda.

5 Castratura.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License