Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

198. A Bbucalone1

 

Ah? pijji mojje? ebbè mmó cche cce sei
abbada a li capelli, Bbucalone.
Sibbè co ccerte razze de drondrone,2
l’abbi o nun l’abbi è sempre tre e ttre a sei.

 

Te li tajji? Ma ppoi lassa a llei
pe mmostrà tutta l’arma de Prutone.3
Li fai cresce? aricordete Sanzone
pettinato pe mman de filistei.

 

Che jje ggiovonno le su’ bbelle porpe,4
e cquella ganassòla5 de somaro,
e cquelle code de trecento vorpe?

 

Che jje giovò de rompe uno scatorcio,6
e d’avé cojjonato er portinaro?
Pe ffà la morte de che mmore er zorcio.7

 

Otricoli, 10 ottobre 1831 - De Pepper tosto

 

 




1 Gocciolone, babbaccio.

2 Meretrici.

3 Le corna.

4 Polpe: la sua vigoria.

5 Mascella.

6 Catorcio.

7 Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License