Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

203. So tutt’e ttre acciaccatelli

 

Che averà, cciscia mia, sto fratiscello
che inzin da ggiuveddí nun ze scappuccia?
Che averà, ccocca mia,1 sto mi ’cardello
che sta ggrufo e nun chiede canipuccia?

 

Che averà sto caggnolo poverello
che ttiè la coda tra le gamme, e ccuccia?
, pper frate, per cane e ppe l’uscello
ciaveressi2 un rimedio, eh Bbarberuccia?

 

Io crederia che li svariassi3 er zôno
de quarche cciufoletto e cchitarrina:...
nun ride, picchia mia,4 nun te cojjono.

 

Quanno pôzzi5 serví dde mediscina,
(già cche lo so cche ttienghi er core bbono)
je la volemo sta sonatina?

 

In legno da Civitacastellana a Monterosi,

D’er medemo - 10 ottobre 1831

 

 




1 Cuor mio.

2 Ci avresti.

3 Li divertisse.

4  Mia vaga.

5 Possa.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License