Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

205. L’amichi all’osteria

 

«Hai raggione per Dio! nun ccattive
ste sciriole». «E tte piasce er marinato?».
«Me tiro un antro pezzo de stufato.
Maggnete stova che ssò ffresche vive».

 

«Pe mmé, cquanno ho ppijjato antre duolive
ce n’ho ddavanzo, ché ssò ggià arrivato.
...No, nun me piú bbeve: ho ssiggillato.
Chi bbeve pe mmaggnà mmaggnà pe vvive».

 

«Ma eh? ccorpo dell’anima de ghetto!
pare er pisscio, sto vin de pontemollo,
dell’angelo custode bbenedetto?».

 

«Ohò! cciavemo ancora un antro pollo?!
Maggni ala o ccoscia?» «No, nnemmanco er petto:
si mme vôi sscialà, ttajjeme er collo».

 

Nella locanda di Monterosi,

De Pepper tosto - 10 ottobre 1831

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License