Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

208. L’armata nova der Sommo Pontescife

 

Com’è ita a ffiní la ribbijjone
c’aveva da sfascià Ppiazzacolonna?1


Ce l’ha mmesse le mane la Madonna!
È vvienuto Sanpietro cor bastone!

 

La bbarca de la fede nun zaffonna,
nun ha ppaura un cazzo de bbarbone:2
duncue chi vvò alloggià ssenza piggione,3
ce vienghi a rriprovà cco la siconna.

 

Pe ffà mmejjo addannà4 li ggiacobbini
mo ssariveste ’n’antra truppa vera,
e sse ttrovi ggià li tammurrini.

 

Già s’arippezza a nnovo la bbanniera;
e ddoppo a li sordati papalini
je s’ha da na statua de scera.5

 

In legno, da Baccano alla Storta,

De Pepper tosto - 11 ottobre 1831

 

 




1 In Piazza Colonna accadde il movimento rivoluzionario alla prima ora di notte del giorno 12 febbraio 1831, ultimo sabato di carnovale.

2 Una delle larve da spauracchio pefanciulli.

3 Andare in carcere.

4 Arrabbiare.

5 Fare una statua di cera ad uno, vale: «riputarlo per l’ottimo fra’ suoi eguali».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License