Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

209. Lo Stato der Papa

 

Come er Papa ha da stà ssenza lo Stato
quann’è vicario lui de Ggesucristo?
M’ha ddetto er Coco a me de San Calisto1


che insinente2 a ddiscorrene è peccato.

 

Ggesucristo c’ha ttanto faticato
pe ffacce tuttoquanto avemo visto,
dovería cede puro a chi è piú tristo
sto cantoncel de monno conzagrato?!

 

Cede un par de cojjoni! E dde sto passo
s’arriva a llevà Iddio dar paradiso,
pe mmettece in zulogo Satanasso!

 

Duncue pare che ssii bell’e indisciso
ch’er Zantopadre a sto monnaccio è llasso,3
e ppò ddí riso ar farro e ffarro ar riso.

 

In legno presso il Fosso, D’er medemo - 11 ottobre 1831

 

 




1 Chiesa e Convento de’ Monaci Benedettini, donde uscì Pio vii.

2 Sino.

3 L’asso è la principal carta alla briscola e a vari altri giuochi popolari.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License