Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

212. Ar Tenente de li scivichi

 

Sor uffizziale mio, nun v’inquietate,
venita cquà, ssentite la raggione:
perché ffà ssanguemmerda a ssciabbolate
si ppotemo1 aggiustasse2 co le bbone?

 

Cuanno trenta maggnère3 ho aripescate
pe ddà ar prossimo nostro der cojjone4
e cchì ciaripensava5 ar battajjone
che voi, co riverenza, commannate?

 

Ma mmó c’ar trentunesimo c’ho ttrovo6
ve vienite a llaggnà com’e cquarmente
cuelle cose che ddico nu le provo;

 

s’arimedia cor cazzo:7 nun è ggnente.8
Ve darò ppe ccojjone un nome novo,
e ssarà er trentadua: dite Tenente.

 

Roma, 12 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Se possiamo.

2 Aggiustarsi.

3 Maniere.

4 Vedi il sonetto che principia: Sonaji, pennolini, ggiucareli.

5 Ci ripensava.

6 Trovato.

7 Si rimedia col nonnulla.

8 Niente.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License