Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

213. La bbella Ggiuditta

 

Disce l’Abbibbia Sagra che Ggiuditta
doppo d’avé ccenato co Llionferne,
smorzate tutte quante le luscerne
ciannò a mmette er zordato a la galitta:

 

che appena j’ebbe chiuse le lenterne1


tra er beve e lo schiumà dde la marmitta,
cor un corpo2 da fia3 de Mastro Titta
lo mannò a ffotte in ne le fiche eterne:

 

e cche, agguattata la capoccia,4 aggnede5
pe ffà la mostra ar popolo ggiudio
sino a Bbettujja co la serva a ppiede.

 

Ecchete come, Pavoluccio mio,
se scannà la ggente pe la fede,
e ffà la vacca pe ddà ggrolia a Ddio.

 

Roma, 14 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Gli occhi.

2 Colla o stretta: colpo.

3 Figlia.

4 Nascosto il capo.

5 Andò.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License