Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

218. Er ritorno da Rocca-de-papa

 

Va’ vvavvassi cchi è! che si’ squartata!
Chi ttarifigurava?, che tte strozzi!
Hai d’avé empito a cquattro gargarozzi,
perché, ssi vvedi, stai come una fata!

 

Bbecche zzitella, hai fatto un par de bbozzi
c’assomijji a una bbalia spiccicata:
Dio te li bbenedichi, Furtunata,
te l’accreschi, e ’r malocchio nun ce pôzzi.

 

Va’ cche zzinne!... che cchiappe!!... che gganasse!!!...
Ma ttarantola vienghi e ttentri in culo,1


ch’in quant’a mmé tte le voría piú ggrasse.

 

Tutte le sorte a tté, fijja d’un mulo!
Prima eri un terenosse-e-ttinducasse,
e mmó ppari una vacca, e nnun t’adulo.

 

Roma 21 ottobre 1831 De Pepper tosto

 

 




1 Espressione contro il fascino.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License