Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

220. La Dogana de terra1 a piazza-de-Pietra

 

NINO

Subbito che nun ssanettonne
e ddoverebbeno èsse tonne e ssane,
c’era bbisogno cqua de le colonne?
Le colonne de pietra nun ppane.

 

PEPPE

Ma ssi nun fussi ste colonne cquane,
(stà in ciarvello co mmé, nnun te confonne)
come le chiameressi le Dogane?
De pietra : e dde che? pparla, risponne.

 

NINO

Che ccosa?! Le Dogane de terra
e nnò de pietra: de pietra è la piazza.
! me sbarchi mo da Stinchinterra?2

 

PEPPE

Terra e ppietra viè a stà a cchicchera e ttazza,
a ffemmina e mmignotta, a cchiude e sserra...

NINO

E a cazzo che tte frega e cche t’ammazza.

 

Sor tignoso3 de razza,
avete da sapé ch’io vado e vviengo
pe ccasa der decan der Cammerlengo;

 

e ste cose le tiengo
tutte cqui su le punte de le deta4
dar conne e rronne ar pisilonne e zzeta.5

 

PEPPE

Si la gallina feta
sai puro senza mette er piede in fallo
si ppoi quell’ovo fa ggallina o gallo?

 

Quanno vierà er pangiallo
te vojjo na fetta de Natale6
cor un bicchier de vin de l’urinale.

 

NINO

Si er cazzo avessi l’ale
tu cche ttienghi l’apparto der cazzaccio
già staressi a la gujja de testaccio.7

 

PEPPE

Perché ppe ggallinaccio
nun vai tu invece ar tiro a pontemollo?8
Cusí arisparmi una stirata ar collo.

 

Poi ’na pelata, un bollo,
un pizzico de sale, un po’ d’erbetta,
dubocconi, duròtti,9 e a la cassetta.

 

NINO

Tu pparli pe vvennetta.
Ma ttratanto, sor fijjo de puttana,
nun ce vanno colonne a una dogana.

 

Roma, 23 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 La di cui facciata è decorata dalle Colonne di un fianco del tempio di Antonino Pio, presso il foro di Antonino, parte di cui è in oggi la Piazza Colonna.

2 Storpiamento maligno d’Inghilterra.

3 Ostinato.

4 Le ho familiari.

5 I segni V) e R) cioè versetto e responsorio coi quali termina il vecchio abbecedario delle scuolette di Roma sono chiamati dalle maestre «conne» e «ronne», e finiscono così la loro istruzione: fijjo, dite icchese, ippisilonne e zzeta: conne, ronne e bbus, sia laudato er bon Gesù.

6 Proposizione beffarda. Per Natale in Roma si mangia un pane composto, chiamato «pangiallo».

7 Piramide di Caio Cestio.

8 Al Ponte Milvio, a 2 miglia da Roma, sul bivio delle vie Cassia e Flaminia, usasi, come anche altrove, di colpire da lungi col fucile un gallinaccio, col premio del cadavere al vincitore.

9 Rutti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License