Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

223. Le duColonne1

 

E ss’ha oggnisempre da sentí sto ggnavolo2
che li pittori antichi da li tetti
seppeno tirà ssú pe ddubbuscetti3
staccidenti4 de San Pietro e Ssan Pavolo!

 

Pe nnun un cazzo, io nun ce credo un cavolo,
che scalini-a-llumaca accusí stretti
potessino a sti Santi bbenedetti
dajje er passo senz’opera der diavolo.

 

In quarant’anni e ppiú cc’ho ssur groppone
io pe la parte mia nun ho mmai visto
un palazzo infroscià5 ddrent’a un portone.

 

E ssete puro6 scerto, sor Calisto,
che o ’r monno antico è stato ’no stregone,
o cche cquesto è un miracolo de Cristo.

 

Roma, 23 ottobre 1831 - De Pepper tosto

 

 




1 Antonina e Traiana.

2 Ripetizione noiosa.

3 Buchetti.

4 Gran volumi, gran pesi.

5 Imboccare.

6 Siate pure.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License