Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

224. L’acqua rumatica1

 

«Che ccrompi?» «Crompo l’acqua de lavanna».2
«Che ddiavolo sce fai?» «Pe ddà l’odore».
«E ppoi dove la porti?» «A la locanna».
«E ppe cchi sserve?» «Per Commannatore».3

 

O mmatti come la raggion commanna!4
Sciacquatura de culi de signore
ha da esse ’no spirito de manna
da méttete per naso un bon fragore!5

 

Ma ssi tte dico, cristo, che ssò ccose
cose da diventacce sticcaleggna,6
e ddoppo imminestrà7 bbôtte fecciose.

 

Sto monno-novo tanto se l’ingeggna
c’ha ttrovo a ddà ppe bbàrzimo de rose
l’acqua che cce se laveno la freggna.

 

Roma, 23 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Aromatica.

2 Lavanda, lavandola o «spigo».

3 Commendatore.

4 A non più su.

5 Fragranza.

6 Tagliatore di legna da fuoco.

7 Ministrare, dispensare.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License