Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

227. La sorella de Matteo

 

Quanno stavo a ccrompà1 le callalesse
è ppassato Matteo co la sorella.
Sai che tte dico, Ggnacchera? ch’è bbella,
ma bbella che ppiú bbella nun êsse.

 

Lei s’è affermata2 a ssalutà l’ostesse
c’annaveno a Ttestaccio in carrettella:
e io j’ho ddato a lleina squadratella
che mm’ha mmesse le bbuggere m’ha mmesse.

 

Com’è llarga de cquì! cche bbella faccia!
Ha dduocchietti, un nasino e ’na boccuccia,
che cchi la assaggià bon prò jje faccia.

 

Ah! jje volevo di’3: ffior de mentuccia,
si ttu vvôi cco mména fumataccia,
ciò una pippa co ttanta de cannuccia.

 

Roma, 23 ottobre 1831 - Der medemo

 

 




1 Comperare.

2 Fermata.

3 Il seguente è un ritornello.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License