Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

228. Li comprimenti a ppranzo

 

E cche jje pare a llei, sor Zebbastiano?
Lei me fa ggrazzia de servimme lei.
, , accusí:1 già nn’ho pprenduti sei.
Uh! er cucchiaro! e lli pijji co le mano.

 

vvojjo favorillo io: nun zaprei...
Armanco sto bboccon de parmisciano.
Ah, ah,2 la proscedenza3 va ar piú anziano:
lo sanno cuesto cquà ppuro l’abbrei.4

 

Sibbè cche nun è robba pe la quale,5
puro,6 dico, che sso, in certa maggnera,
ce poterà scusà si è stato male.

 

Vale ppiú cquer piattin de bbona scera7
che ttutto sto sscialà der carnovale.
Tanto,8 mmaggni, eppoi? Cachi stasera.

 

Roma, 24 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Basta, basta così.

2 In senso di «no», coll’a molto prolungata, esprime la negativa assoluta ad un’insistenza attuale.

3 Precedenza.

4 Gli Ebrei non istimansi quali uomini a Roma, tantoché, dovendosi parlare d’uomo, si dice un cristiano.

5 Non conveniente al caso e alla persona.

6 Purtuttavia.

7 Il piatto di buona-cera, cioè: «il buon viso nel dare».

8 Vale: «poiché ad ogni modo».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License