Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

229. Er tosto

 

Chi? llui? Gèsus maria! Quello è un cojjone
scappato da le man der crapettaro,
e tte pôi figurà cquant’è ccacone1
che ttiè inzino a mmesata er braghieraro.

 

Ce rescita da marro e da spaccone;
fa lo spazzacampagna e ’r pallonaro:2
eppoi curre a ssarvasse3 in d’un portone
come sente un ròggito4 a un zomaro.

 

Senti questa ch’è fresca d’oggi a otto.
Giucamio5 a mmora all’osteria de Marta:
quanno dereto a llui se sente un botto!

 

E sto bbravaccio che mmazzola e squarta,
curze ar bancone e cce se messe sotto.
Sai ch’era stato? Un schioppettin de carta.6

 

Roma, 24 ottobre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Pauroso.

2 Tutti vocaboli esprimenti affettazione di coraggio.

3 Salvarsi.

4 Ruggito, invece di «ragghio».

5 Giuocavamo.

6 Trastullo fanciullesco, fatto con carta in modo ripiegata che ad una agitazione di braccio, uscendone una parte per l’aria che vi si interna, si tende con violenza e produce un fragore.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License