Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

230. Er dua de novemmre

 

Oggi che ssò li Morti, di’ un po’, Ammroscio,1
vienghi a vvedé l’Arippresentazzione?
E cc’hai pavura, che cce ssii bbarbone?
Oh statte zitto che mommó te sfroscio.2

 

E io cazzaccio che mme ce svoscio!3
Omo de mmerda, cimiscia,4 cacone.
Dupupazzi de scera e dde cartone
ddiventati bbobo e mmaramoscio!5

 

Oh, ppe li schertri6 poi der cimiterio
cqui la raggione è ttua: cqui er guaio è ggrosso!
Tante teste de morto! eh, un fatto serio!

 

Vedo però che cquanno dài addosso
a le galline de padron Zaverio,
nun tremi un cazzo d’arrivajje all’osso.

 

Roma, 2 novembre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Ambrogio.

2 Le fròce sono le «narici».

3 Svòcio: ci perdo il fiato.

4 Cimice.

5 Nomi di due larve di spauracchio.

6 Scheletri.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License