Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

231. Poveretti che mmoreno pe le campagne
e sseppelliti pe la-mor de Ddio
in questo santo logo

 

Cristiana mia, fai bbene pe li morti?
Pijji li pellegrini in dormitorio?
Io sciò un’anima drento ar purgatorio
che sta speranno in ne li tu’ conforti.

 

Pe ffà ccantà le messe a Ssan Grigorio
ce l’inguento de zecchini storti:
e la santa indurgenza che ttu pporti
fa mmejjo de diasilla e rrisponzorio.

 

Penza, sorella mia, che inzin da maggio
stanima a cchiede er bene arza la testa,
senza potenne avé mmanco un assaggio.

 

Via, mòvete a ppietà, ’na cosa lesta.
Opri la cappelletta der zuffraggio,
damo dutocchi, e poi sonàmo a ffesta.

 

Roma, 2 novembre 1831 - Der medemo

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License