Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

236. Fidasse1 è bbene, e nnun fidasse è mmejjo

 

Pe ste tu’ communelle co Ttomasso
hai da stà fresco tu ccomer pancotto.
Cuello è un gargante2 che nun move un passo
si nun ce viè la su’ morale sotto.

 

Dijje le tu’ bbudelle ché stai grasso!
Seguita a cconfettà sto galeotto:
e cquanno hai gusto d’arimane a spasso,3
lasselo lavorà ssotto cappotto.

 

In-primi-e-Antonia4 te ffà ccornuto:
ma cquesto è ggnente: eppoi cor tu’ padrone
te buggera a la dritta e ssenza sputo.

 

E tu, abbasta opri bbocca un chiacchierone,
vai ’n estis,5 t’incecischi,6 resti muto
come parlassi7 er gran Re Salamone.

 

Roma, 14 novembre 1831 - Der medemo

 

 




1 Fidarsi.

2 Uomo di dubbia fede.

3 Di rimanere senza impiego.

4 In primis et ante omnia.

5 In estasi.

6 T’imbalordisci.

7 Parlasse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License