Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

250. Er cucchiere for der teatro

 

Eh? che bber gode!1 Immezzo de ’na piazza,
sott’a ste quattro gocce de bbrodetto,
senza poté nnemmanco acchiappà un tetto,2
ggni nottena vita de sta razza!

 

E ttratanto quer gruggno de pupazza
de la padrona mia, drentar parchetto
se3 diverte cor ghiggno e cco l’occhietto,
pe ffà ride4 la freggna che l’ammazza.4a

 

Eppuro5 a ccasa scià6 ttanto de specchio
pe ppotella capí7 cche cquanno fiocca8
la donna se vvenne9 ar ferravecchio.

 

Ma llei de cazzi!10 sin c’ha un dente in bocca,
de sughillo11ggni ggiorno ne un zecchio,
una marmitta, un cuccomo e una bbrocca.

 

In legno, da Morrovalle a Tolentino,

D’er medemo - 28 settembre 1831

 

 




1 Che bel godere!

2 Prendere un tetto: per «ricoverarsi».

3 Si.

4 Per far ridere: per soddisfare.

4a Che l’ammazzi.

5 Eppure.

6 Ci ha: ha.

7 Per poterla capire.

8 Fioccare: qui sta per «avere i capelli bianchi».

9 Si può vendere.

10 Ma ella al contrario!

11 Di sugo. Ciò è relativo al senso della nota 4.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License