Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

251. Er falegname cor regazzo

 

Famme la carità, ma cche tte fai!,
cosa te freghi, pe l’amor de Ddio!
Nu lo vedi che ddritto nun ce vai,
mannaggia li mortacci de tu’ zio?

 

Gran ché de nun potesse fidà mai
co sto scolo d’un cazzo de ggiudio!
Animo, lassannà, cché nun ce dai:
a cchi ddico? aló, cquà, ché ssego io.

 

Lasseli stà sti poveri strumenti,
ché, a cquer che vvedo, er legno, fijjo caro,
nun è pane adattato a li tu’ denti.

 

piuttosto a er medico o ’r notaro,
oppuro er mercordì, si tte la senti,
viaggia a piazza-ladrona1 pe ssomaro.

 

Roma, 21 dicembre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Piazza Navona, detta talvolta ladrona, a causa del fraudolento traffico che vi fanno i rivenduglioli, ossia i bagherini.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License