Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

254. Er morto devoto de Maria Bbenedetta

 

Prima usscí co la crosce er chirichetto,
po’ er prete co la stora ner’e ggialla,
quattro facchini poi cor moccoletto
smorzat’in mano e ’r catalett’in spalla.

 

Uno de questi in capo ar vicoletto
un bôttaccio, e la cassa je trabballa:
e ssi un morto va ggiú dar cataletto,
l’anima è seggno che sta a ccasa calla.

 

Ma la Madonna che llui fu ddevoto
nu lo permesse. Er vivo s’ariarza,
e tutt’e ddua sce ponno attaccà er voto.

 

Pe ttirà ssú li sui, moneta farza
fa la Madonna e ttanto terramoto,
che o de riffe o de raffe sce li sbarza.

 

Roma, 21 novembre 1831 - Der medemo

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License