Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

255. Morte scerta, ora incerta

 

Staveno un par de gatti a ggnavolà
in pizzo ar tettarello accant’a mmé
ggiucanno in zanta pace e ccarità
a quer giuchetto che de dua fa ttre:

 

quanto quer regazzaccio der caffè
accosto a la Madon de la pietà
j’ha ttirato de posta un nonzocché
che l’ha ffatti un’e llantro spirità.

 

Povere bbestie, j’è arimasta cquì!1


Ma cquer ch’è ppeggio cento vorte e ppiú,
rrotolati tutt’e ddua de llí.

 

Doppo lo schioppo c’hanno dato ggiú,
uno s’è mmesso subbito a fuggì,
e llantro è mmorto senza Ggesú.

 

Roma, 22 novembre 1831Der medemo

 

 




1 Toccando la gola, quasi per indicare un boccone non ancor bene inghiottito.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License