Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

260. A le prove

 

Ecco ch’edè:1 êsse2 solo er Marro3
a ccugnà4 le patacche a la tu’5 zecca:
pe cquesto te viè a ddí,6 llinguaccia secca!,7
che, cquanno sparo io, raro scingarro.8

 

De che?!9 la mi’ pistola nun fa ccecca,10
sibbè cche ffussi11 caricata a ffarro.
Eppoi, Tuta,12 viè cquà,13 ffâmo13a un bazzarro,
e ssi14 nun cojjo15 a tté ddàmme la pecca.16

 

È vvero c’a sto monno in centomila
nun c’è ggnisuno che ppô ffàsse17 bbravo,
ché sse18 ponno crepà mmanico e ppila.

 

Però ssi(18) llanni addietro io me cavavo
un ott’o ddiesci gustarelli in fila,
pe ddodisci oggi puro19 me li cavo.

 

Roma, 23 novembre 1831 - Der medemo

 

 




1 Che è, cos’è.

2 Vuol essere.

3 Il marro, nome che si alla parte più rozza e risoluta del popolo.

4 Coniare.

5 Tua.

6 Ti viene a dire.

7 Malédica.

8 Ingannare, dar nel segno.

9 Come?!

10 Far cecca: fallire.

11 Benché fosse.

12 Gertrude.

13 Vieni qua.

13a Facciamo.

14 Se.

15 Còjjo: colpisco.

16 Dar la pecca, trovar la pecca: criticare.

17 Può farsi.

18 Si.

19 Pure.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License